Wednesday, July 24
Shadow

Risolvere la Vergine del Villaggio Fioraia Dietro le Mura di Casa

Sex Story I AM DIEWE I muri della casa iniziano a diventare un po’ opachi, questo è un segno che la casa ha bisogno di cure immediate Sì, anche il soffitto ha qualche danno, sì, questa casa esiste da molto tempo,. circa 5 anni fa. Sembra che il cortile che un tempo era una dea pieno di fiori colorati ora sembri non esistere più, solo le parti lasciate sono i tulipani, il gelsomino a un gambo, le orchidee regalati da tua zia.

Tutte queste previsioni vanno affrettate subito considerando che la mia casa è una pensione, affinché anche gli occupanti che “hanno una casa” stiano comodi, ricordando che il servizio dovunque deve essere buono.

Ho una pensione, facendo della casa un luogo dove riposarsi un po’ per chi ne ha bisogno, ma per quello che ho vissuto non mi sarei mai aspettata che accadesse qualcosa di impressionante, questa è la storia, La prima volta che l’ho incontrato è stato quando tornò a casa da Giakarta, lui era uno studente della scuola di formazione per insegnanti che si trovava nella mia città in quel periodo, lei era bella, dolce e minuta con la pelle bianca. Fondamentalmente ho avuto fortuna e non molto tempo fa si è trasferito nella mia pensione, quindi è stato facile per me conoscerlo meglio.

Si è scoperto che era una persona socievole e socievole, quindi ho avuto il coraggio di esprimere i miei sentimenti. Ancora una volta, sono stato fortunato che abbia accettato la mia affermazione, quindi ero felice.

Un giorno avevo un evento fuori città, gli ho chiesto di andarci per divertimento, si è scoperto che ha accettato il mio invito. Lungo la strada fuori città abbiamo chiacchierato e scherzato affettuosamente, a volte la mia mano ha finto di toccargli accidentalmente la coscia. All’inizio mi ha allontanato la mano ma col tempo ha lasciato che la mia mano accarezzasse la sua coscia bianca e tozza, io ho osato accarezzargli la coscia. all’inguine. Rimase in silenzio pur godendosi la carezza della mia mano.

Ho tolto la mano dalla gonna nera e poi le ho chiesto se potevo toccarle i seni che sporgevano sotto la maglietta rosa. Dapprima ha rifiutato, ho cercato di convincerla che volevo accarezzarla, anche solo per un attimo .

Alla fine, lei annuì lentamente, la mia mano scivolò immediatamente sotto i suoi vestiti e la strofinò, la accarezzò, anche quando strinsi i suoi seni piccoli ed elastici, lei sospirò e appoggiò la testa sullo schienale del sedile dell’auto su cui stavo giocando capezzoli con due dita, sospirò ancora di più, mentre continuavo a guidare ho tirato fuori la cerniera dei pantaloni e ho tirato fuori il mio pene che si era irrigidito come un barile d’acciaio, le ho afferrato la mano e l’ho tirata verso il mio pene, quando lei. toccò il mio grosso e lungo pene lei tirò indietro la mano, forse sorpresa perché era la prima volta.

Con qualche convenevole, le ho tirato indietro la mano per trattenermi il pene, alla fine lei ha ceduto e ha iniziato ad accarezzarmelo lentamente.

“Ang, il tuo è così grande che è grosso quasi quanto il mio polso,” disse
“Hmm, anche il tuo latte è molto morbido,” dissi godendomi la carezza della sua mano sul mio pene

Non molto tempo dopo il nostro arrivo nella città di destinazione, ho immediatamente cercato un posto dove alloggiare, poi sono andato di nuovo a fare acquisti di prima necessità mentre ero in quella città.

Quella notte abbiamo chiacchierato sulla veranda davanti alla stanza dove alloggiavamo mentre guardavamo la TV, ci siamo seduti fianco a fianco una volta quando le mie mani si sono mosse attorno al suo corpo ho scoperto che era sotto la camicia da notte indossava solo un CD quindi le mie mani poteva essere libera di spremere i suoi seni e giocare con i suoi capezzoli.

“Ah, non essere troppo duro,” mi ha detto quando l’ho stretto con eccitazione.
“Mi spiace, il tuo latte è davvero gommoso,” dissi
“Sì, ma fa male”, ha detto
“Sì, rallenta, entriamo”, gli ho sussurrato e ho annuito lentamente.

Quando sono entrato l’ho abbracciato da dietro, ho baciato appassionatamente la sua nuca bianca e lui si contorceva divertito mentre le mie mani vagavano per il suo corpo.
“Akh, Ang ………..shhhhhhhh” disse sospirando

Le mie mani cominciarono a sbottonargli la camicia una ad una e gli tolsi la camicia, lasciando solo il CD nero. Gli baciai le labbra, lui rispondeva ai miei baci con passione, mi massaggiava il pene, stringendolo di tanto in tanto tanto da farmi sentire infinito piacere.

“Ukh,… continua così,” dissi
“È davvero grande, è davvero lungo”, ha detto.
“Ssssst,” dissi mentre le succhiavo i capezzoli che diventavano sempre più rigidi, con la mano abbassai il CD, strofinai delicatamente la morbida massa di carne ricoperta di fini peli neri, lei si contorse divertita e io continuai a solleticare la sua figa calda.

“Ah…vai piano,” disse, stringendomi il pene. Poi abbassai il bacio dal suo seno fino all’ombelico, lei le sollevò la vita, continuai a baciarle la figa e mi irrigidii quando la mia lingua ruvida la leccò rossa e gonfia. figa. Compensava il gioco della mia lingua scuotendo i fianchi, gemendo senza sosta con le sue labbra.

“Adesso tocca a te, tesoro,” gli ho detto mentre gli infilavo il pene in bocca. Lentamente ma inesorabilmente ha iniziato a baciarmi l’asta dei genitali che si era irrigidita da molto tempo. Quando ha iniziato a succhiarmi il pene, ha sentito come se trattenesse il piacere.

Dopodiché ho steso la mia amante bianca, i suoi piccoli seni erano come montagne con la sua figa rossa che sbocciava dietro i fini peli neri. Lentamente mi sono arrampicato su di lei, ho strofinato il mio pene sulla fessura della sua figa, lei si è stirata gemendo in modo incoerente. sentendo il piacere di strofinare il mio pene. Poi ho premuto poco a poco il mio pene era nella sua figa, i suoi fianchi si sono sollevati come per dirmi di inserire immediatamente il mio pene nella sua figa.

“Dai, ah aaaaaaaah continua così tesoro mio” disse tirandomi per la vita
“Va bene tesoro, lo metto dentro,” ho detto, premendo il mio pene per andare più in profondità nel suo buco della figa, lentamente, perché avevo paura che soffrisse, era molto stretto.

“Ahi… fa male, Ang akh…” disse
“Se ne andrà in un minuto,” dissi, mentre il mio pene entrava e usciva dalla sua figa che sembrava bagnata e calda. Apparentemente questa era la sua prima esperienza perché c’era una macchia di sangue sul suo inguine.

“Continua… più veloce… è davvero bello avere il tuo cazzo,” disse con coraggio, forse sotto l’influenza del piacere di entrare e uscire dal mio pene lungo 18 cm, il mio pene stava iniziando sentire il piacere di strofinarsi contro le pareti interne della sua figa.

“Ah… continua a scuotere i fianchi,” le dissi, e lei obbedì alle mie parole, scuotendo i fianchi. Non molto tempo dopo, gemette abbracciandomi forte, a quanto pare aveva raggiunto l’orgasmo, giaceva inerte tra le mie braccia il mio pene era ancora bloccato nella sua figa che sembrava bagnata. Aveva le lacrime agli occhi, vedendo che gli ho subito sussurrato che sarei stato responsabile di tutto questo.

Solo allora è tornato allegro e ho ripreso l’attività di alzare e abbassare il pene e lui ha risposto con entusiasmo ai miei movimenti. Quella notte lo ha fatto 6 volte finché finalmente si è addormentato fino al mattino.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *