Wednesday, July 24
Shadow

Brutto con una bella e dolce ragazza del villaggio

Sono uno studente di 21 anni. Durante le vacanze semestrali tornavo al mio villaggio a Garut. Per vincere la noia ho fatto una passeggiata in città. Ed è entrato in un centro commerciale della cittadina. Ho guardato per sbaglio una ragazza che si poteva dire bella. Il suo viso emana una bellezza naturale che raramente si trova in una ragazza di città.
Per farla breve, ci siamo conosciuti. Si chiama Rina, ha 16 anni. Duh, sono così felice di aver potuto incontrare una ragazza come lei. Con il passare dei mesi siamo diventati sempre più vicini e spesso ci tenevamo in contatto telefonicamente. Insomma, abbiamo anche deciso di diventare amanti.

Durante la pausa del semestre successivo ci organizzammo per incontrarci a casa sua. La sua casa era semplice, comprensibilmente suo padre era solo un piccolo commerciante, ma non è quello che ho visto. Quella notte guardammo entrambi lo schermo di Tancap, qualcosa che in realtà era piuttosto semplice ma sì, si chiamava anche essere innamorati. Tornavamo a casa alle nove di sera secondo il desiderio di Rina. Si è scoperto che quando siamo arrivati ​​a casa del mio ragazzo, abbiamo ricevuto solo la chiave di casa. La famiglia era andata a trovare l’amico del padre del mio ragazzo che era gravemente malato.

Quella notte faceva molto freddo, Rina si scusò per cambiarsi d’abito. Quando ho visto Rina nei suoi abiti semplici, sono rimasto sbalordito da quanto fosse bella ed elegante anche se indossava solo abiti normali. Strano, c’è un’altra cosa strana che si è insinuata nei miei sentimenti.
“Ebbene, cosa c’è che non va, Kang?” chiese Rina.
“Ah, non è niente!”, risposi.
“Perché continui a guardare Rina?”, chiese ancora.
“Assolutamente no!”, ho risposto.
“Sei bellissimo, An.”
“Ah, zio!”, disse ancora, arrossendo.

Leggi anche: La migliore massaggiatrice Plus-Plus che abbia mai sperimentato

Per molto tempo siamo stati uno di fronte all’altro, e io inizio ad avvicinarmi a quella persona. Le tengo la mano, poi la accarezzo e mi chiedo quanto sia morbida la sua mano. Ci siamo stretti, toccati e accarezzati. Lentamente gli ho tolto i vestiti uno per uno, ho visto che era mezzo nudo. Ho guardato il suo petto sotto il reggiseno bianco, ho guardato tutto il suo corpo, la sua pelle abbronzata.
“Fratello, è vero che mi ami?”, chiese ancora.
“Esatto, ti amo!”, le risposi togliendole il reggiseno e le mutandine bianche.
Ora lui innocentemente senza un filo che copre il suo corpo. L’ho adagiato sul letto, poi ho baciato tutto il suo corpo. Il corpo di Rina tremava violentemente, segno che quella era la prima volta che faceva sesso con il sesso opposto.

Poi ho aperto il suo inguine e ho inserito il mio pene con molta attenzione. La Rina ha gemito rassegnata, poi le ho detto di mordere il cuscino perché i vicini non sentissero la sua voce. Ho mosso il cazzo avanti e indietro. Gli occhi di Rina si strinsero per il piacere. Il mio respiro cominciò a farsi più rapido, e Rina cominciò a perdere il controllo di se stessa, stringeva forte il cuscino, i miei movimenti diventavano più veloci, volevo davvero penetrare le sue strette difese. Le ho afferrato i seni, li ho leccati, li ho massaggiati e ho sentito il mio pene iniziare a irrigidirsi e: “Cret…, cret…, cret”. Il mio sperma è uscito copiosamente, Rina mi ha abbracciato forte e siamo rimasti esausti. Nel mio cuore ero deciso a sposare quella ragazza, perché l’amavo davvero.

,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *