Wednesday, July 24
Shadow

STORIE DI SESSO | Masturbarsi MENTRE GUARDO I GENITORI CHE FANNO SESSO

Storie di sesso | Masturbarsi guardando i genitori che fanno sesso – Prima di tutto, prima di leggere la mia storia, consiglio ai lettori di ascoltare una piccola storia tratta dalla mia storia che ho scritto di seguito.

A quel tempo ero in quarta elementare quando avevo più di 10 anni. Sono diventato un ragazzo che andava pazzo per tutto ciò che riguardava il sesso. Ad esempio, quando vedo un oggetto, penso subito che se l’oggetto fosse cambiato o fatto in questo modo e così, sarebbe sicuramente molto emozionante. Da allora ho sentito e saputo che l’atto sessuale è davvero, davvero eccitante e delizioso, quindi da lì cerco sempre di cacciarlo e cercarlo.

Quindi a quel tempo, prima che Ani e Tara lasciassero il vicolo, facevo spesso questo a entrambe. Dovunque e ogni volta che l’importante è trovare il momento giusto, lo farò sicuramente, che sia con Tara o con Ani. (leggi: “Il mio primo sesso 1 e 2”). Ma si sono trasferiti con le rispettive famiglie dopo il diploma di scuola elementare, ma anche il luogo del loro trasloco è ancora nei dintorni della mia città. La distanza è di circa 15 chilometri da dove abito.

Sono stato costretto a superare i miei desideri sessuali e le mie turbolenze a modo mio, a volte masturbandomi immaginando il piacere che avevo ottenuto a modo mio rispetto al piacere che avevo ottenuto da Ani e Tara. Ma col tempo l’ho sentito e apprezzato al massimo.

L’incidente è iniziato una notte in cui mi sono svegliato perché sentivo il bisogno di urinare. Mi sono alzato per andare in bagno. Poiché mi ero svegliato, mi era difficile chiudere di nuovo gli occhi, cosa che era diventata una mia abitudine, soprattutto perché l’orologio sulla parete della mia stanza segnava le 02:07 del mattino.

Mentre continuavo a provare a chiudere gli occhi per potermi riaddormentare, la mia mente cominciò a vagare ovunque, guardando il soffitto della stanza. Ma questo sforzo non ebbe successo, inoltre la mia mente aveva iniziato a fantasticare sugli atti sessuali che avevo ricevuto da Ani.

Ma ho fatto quello che ho fatto lentamente e lentamente perché avevo anche paura di svegliare chi dormiva nella mia stessa stanza. La mia stanza è dove stiamo noi tre. Rimango lì tutto il giorno. Mio fratello, il numero uno, si chiama Adit, ma sono di sotto perché siamo in tre.
un letto, tre metri accanto al cestino di mia sorella. Continuando a fantasticare, continuavo ad accarezzare la punta del mio pene che cominciava a diventare scivolosa per l’acqua limpida che usciva dalla mia arma.

Ouh.. ah.. ah..”, sibilai piano.

Tuttavia, sembrava che ci fosse un sospiro diverso dal mio, che a volte scompariva all’improvviso.

“Oh.. sì.. sì..”, si udirono debolmente i gemiti

Nella mia stanza c’è una specie di porta per salire e scendere se vogliamo salire fino al soffitto. Il mio letto è molto vicino alla porta del soffitto perché è al secondo piano. Così ho aperto la porta sul soffitto molto facilmente ma comunque molto lentamente per paura di emettere un suono che potesse svegliare i miei due fratelli più piccoli.

“Sì.. oh.. oh.. fanculo.. sì..”, la voce divenne più chiara quando aprii la porta sul soffitto e il suono sembrava provenire da un edificio.

Quando ero di sopra non potevo salire direttamente sul soffitto della stanza di papà e mamma perché i miei occhi dovevano adattarsi dalla luce all’oscurità. Quando ho potuto vedere, sono strisciato verso la camera dei miei genitori con molta attenzione per non emettere il minimo rumore, per non parlare di un suono che potesse svegliare tutta la casa.

“Fuck me.. oh.. sì.. sì..”, la voce dalla televisione si fece più chiara, evidentemente ero sopra la camera dei miei genitori.

Non adesso, mamma. Dopo aver finito il film, il suono di tuo padre che si ammalava era un po’ forte, ma poiché ero io quello testardo che stava sopra la loro stanza, anche se mia madre sussurrava, potevo sentirli chiaramente, anche il suono del loro respiro affannoso a volte si sentiva nelle mie orecchie da sopra il soffitto.

“È allagato, mamma… sembra che papà abbia le dita tutte bagnate…”, esclamava mio padre.

“Lui.. eh.. oh.. shh..”, questo fu tutto ciò che si sentì dalla bocca di mia madre in risposta alla domanda di mio padre prima.

Dato che non ero soddisfatto solo di immaginarlo, ero deciso a fare un piccolo varco nel soffitto in modo da poter vedere nella stanza di mio papà e mia mamma. Con vari sforzi e molta attenzione alla fine ci sono riuscito, purtroppo il divario si è concentrato solo in una direzione. Per coincidenza, l’unica cosa visibile era lo schermo televisivo e l’estremità del letto di mio padre e di mia madre, quindi potevo vedere anche entrambe le estremità dei loro piedi dai polpacci in giù.

Ho anche guardato le scene del film attraverso gli spazi vuoti che ho creato mentre di tanto in tanto guardavo le gambe di mio padre e mia madre che si sovrapponevano l’una all’altra. Il mio respiro diventava sempre più irregolare mentre guardavo le scene sullo schermo televisivo, in più provenivano gemiti dall’interno della stanza, sia dalla bocca dei miei genitori che da quella degli attori del film che stavamo guardando.

Il mio cazzo divenne sempre più teso, alla fine una mano me lo tolse dai pantaloni, mentre l’altra mantenne aperto lo spazio in modo che potessi ancora vedere cosa stava succedendo laggiù. Mi sono accarezzato il cazzo lentamente provando piacere mentre continuavo a guardare e ascoltare le scene dall’interno della stanza di papà e mamma.

“Oh.. ahh.., la tua lingua gira lì papà, sì.. oh.. allora.. ah.. che delizioso”, ci fu un altro delizioso sospiro dalla bocca di mia madre mentre continuavo a fantasticare su che movimenti fossero facendo perché non potevo vederli entrambi direttamente e completamente.

Il tremito del mio pene che prima era lento ora diventava più veloce ascoltando i gemiti. Adesso non mi interessa più quel buchino da poter vedere laggiù perché adesso conta la mia fantasia e i gemiti di mia madre che si sentono sempre più forti nel suono della televisione nella loro stanza, anzi, penso che non lo facciano non lo guardano più ma sono impegnati a praticare qualunque cosa guardino.

Non molto tempo dopo, il suono della televisione sembrava come se fosse stato abbassato, ho subito aperto un piccolo varco davanti a me per vedere cosa stava realmente succedendo sotto. Si è scoperto che mia madre, che indossava solo le mutandine, stava abbassando il volume della televisione. La mia gola si è immediatamente seccata quando ho visto il corpo bianco di mia madre con i seni meravigliosamente sporgenti e i suoi capezzoli che sbocciavano dal gioco orale di mio padre. Le mie mani hanno immediatamente smesso di scuotermi il cazzo ma invece l’ho stretto forte mentre ingoiavo la saliva più volte per bagnarmi gola.

In effetti, a quel tempo ero diventato un ragazzo davvero pazzo con problemi legati al sesso. La mia storia non finisce qui perché ci sono ancora tante altre storie. Questa storia ha solo quattordici anni, come ho detto sopra. E adesso ho compiuto trent’anni, il che significa che ho ancora tanto da dire. Voglio ringraziare di cuore 17 Years perché anche se ho trent’anni posso ancora sentirmi vecchio come un adolescente di 17 anni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *