Wednesday, July 24
Shadow

Storia di sesso che non posso dimenticare fino ad ora, scopata sull’autobus

Questa storia è iniziata mentre tornavo a casa in autobus. Poiché ho comprato il biglietto in ritardo, ho preso posto in fondo. Poiché volevo tornare a casa presto, l’ho preso e basta. Dopo aver aspettato circa 30 minuti l’autobus è arrivato al terminal dove stavo aspettando. Allora mi sono precipitato a salire sull’autobus e mi sono seduto dietro, ma alla fine c’ero solo io.

Ma non molto tempo dopo, una ragazza mi ha scusato per sedermi accanto. Mi sono sentito fortunato anche se ero seduto dietro ma c’era una ragazza che mi accompagnava. Questa ragazza ha un viso mediocre ma se lo guardi può farti arrapare, soprattutto perché le sue tette sono come palloni da pallavolo, vorrei sprofondare tra le sue due tette Hahaha…

Scopata sull’autobus – Dopo quasi mezz’ora di viaggio ho provato a dormire, ma era molto difficile a causa del movimento dell’autobus e della posizione seduta per dormire. Poiché non sono abituato a dormire seduto, è difficile chiudere gli occhi.

Ho provato ad aprire un po’ gli occhi, ho visto la ragazza accanto a me che mandava messaggi alla sua amica, invece di confondermi per non riuscire a dormire, avevo intenzione di dare una sbirciatina al contenuto dell’SMS della ragazza, e questo è quello che ha detto,

Ragazza: Beb, per favore, prenditi cura del mio ragazzo, torno a casa solo per poco tempo, non sopporto stare lontana da lui per molto tempo…
Amico: Oce dico, perché non lo sopporti? Eheheh
Ragazza: Hah, stai solo facendo chiacchiere come se non sapessi, è l’asta del suo pene che ti rende insopportabile. Prima di partire volevo giocare un po’ nella toilette del terminal, ma ero confusa perché l’autobus arrivava in fretta.
Amico: Puoi, significa che vuoi davvero un pene in questo momento.
Ragazza: Lo voglio davvero, ecco perché mi gira un po’ la testa…hahahaha…
Amico: Sì, l’ho canalizzato su quella sull’autobus, accanto a te, ragazza o ragazza?
Ragazza: Ragazzi, è bello… ahahahaaa…
Amico: Hahhaa… quanto è bello il tuo ragazzo?
Ragazza: Questo è un bel fratellino, sembra che anche il suo pene sia grande… ahahah..

Questo è più o meno il contenuto dell’sms, che mi ha fatto subito arrapare, perché questa ragazza voleva scopare ed era anche incuriosita dal mio pene. Allora ho fatto finta di alzarmi e mi sono scusato per andare in bagno. In bagno ho pensato a come avrei potuto scopare questa ragazza. L’idea sembrava essere dalla mia parte, sul sedile posteriore eravamo solo io e lui. Alla fine ho deciso che avrei dovuto scoparlo sul sedile posteriore. Durante la preparazione ho messo il CD nel WC, quindi non lo uso più adesso.

Sono subito uscito dal bagno, lasciando la cerniera dei pantaloni aperta. Mi sono seduto di nuovo accanto a lui e ho fatto di nuovo finta di dormire. Non appena ho visto il viso della ragazza, mi sono arrapato di nuovo e il mio pene si è immediatamente alzato. Poiché la mia cerniera era aperta, il mio pene è uscito, così la ragazza ha potuto vedere l’asta del mio pene. A volte apro un po’ gli occhi per vedere la reazione della ragazza quando vede il mio pene. Ho visto la ragazza fingere di essere indifferente e confusa su cosa fare con il mio pene che misura 21 cm con un diametro di 4 cm.

Ma all’improvviso ha provato a trattenermi il pene, forse perché non ce la faceva più. Dato che non c’era nessuno accanto a me, lei continuava ad accarezzarmi il pene, io facevo ancora finta di dormire. Più lo accarezzava, più frustava. Questa ragazza è pazza, è così spericolata, mi sono detto. Alla fine mi sono svegliato, ma lei è diventata ancora più pazza, mi ha scopato il pene. Era davvero bello, mi succhiava il pene con una tale passione che il mio corpo tremava violentemente.

Leggi Anche: STORIA DI SESSO DI ESSERE INVITATO A SCOPARE CON UNA VEDOVA CHE AVEVA IL CUORE SPEZZATO.

Per quasi 10 minuti mi ha scopato e alla fine gli ho vomitato il mio sperma in bocca. Ha divorato tutto il mio sperma finché non è scomparso. Con voce sussurrata mi ha detto: “Scusa fratello, non potevo sopportare di vedere il suo pene uscire dai pantaloni…” “Sì, va bene, è davvero carino, grazie…” ho risposto. Lui non ha più risposto, è rimasto zitto, probabilmente perché era imbarazzato. Ho provato a chiedergli: “Perché non hai zitto, sorella, perché?” “Ah, va bene, fratello…” ha risposto brevemente. So che sta ancora trattenendo la sua lussuria, in realtà vorrebbe anche venire ma forse non si sente a suo agio nel dirmelo. Allora sono passato all’azione, le ho afferrato il seno e le ho detto: “Sorellina, voglio la nonna”. È rimasta un po’ sorpresa nel sentire quello che ho detto, ma poi ha risposto, cosa che mi ha sorpreso ancora di più: “Ooh, vai avanti, fratello, qualunque cosa tu voglia, puoi farla”, ha detto aprendo il seno. Wow, questa ragazza è davvero pazza, ho pensato. Poi le ho stretto il seno sinistro con la mano destra, mentre la mia bocca giocava con il suo capezzolo destro.

Sospirò piano con gli occhi spalancati. Ma non è finita lì, ho provato a infilarle i pantaloni, perché indossava i jeans, non è stato difficile per me raggiungere la sua figa. Prima che potessi toccare la sua figa, l’autobus su cui viaggiavamo si fermò in un ristorante. Poi gli ho sussurrato all’orecchio: “Cerchiamo solo un bagno, restiamo lì”.

La ragazza annuì d’accordo. Allora cercammo insieme un bagno nell’angolo del ristorante per non essere visti da altre persone. Nel bagno ci siamo subito tolti i pantaloni a vicenda. Le ho detto di metterle un piede addosso, perché era già bagnato, il mio pene, che era già teso, poteva facilmente entrare nel buco di sua madre. “Aahhh la tua figa è così bella, sorella…” ho detto mentre le toccavo la figa. “Anche il tuo pene è delizioso, fratello… per favore soddisfami… aahhh…” gemette.

Le ho toccato lentamente la figa in modo che nessun altro potesse sentirlo dall’esterno. All’improvviso mi afferrò per le spalle e gridò piano: “Aarrgghh fratello, sto uscendo…oohhh…piacevole…” i suoi gemiti raggiunsero l’apice. Poi gli ho detto di aspettare che cambiassimo stile, cioè alla pecorina. Tenendomi al bordo della vasca le ho infilato la figa da dietro.

L’ho colpito lentamente ma con sicurezza e l’ho cullato ritmicamente. Non molto tempo dopo ho raggiunto l’orgasmo per la seconda volta. “Aaahhh…sì….” Gemetti piano. Ho spruzzato tutto il mio sperma nella sua figa. Dopo che siamo stati entrambi soddisfatti, ci siamo rimessi i pantaloni e siamo usciti immediatamente dal bagno. Poi siamo entrati nel ristorante e abbiamo mangiato insieme come una coppia. Prima di risalire sull’autobus ci siamo scambiati i numeri di telefono. Sull’autobus ho giocato di nuovo con le sue tette e qualche volta le ho leccato i capezzoli. Lei non ha voluto tacere e ha risposto stringendomi il pene. Finché finalmente ci siamo separati al terminal di destinazione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *